Download Ambigrammi: Un microcosmo ideale per lo studio della by Douglas R Hofstadter PDF

Posted by

By Douglas R Hofstadter

Show description

Read or Download Ambigrammi: Un microcosmo ideale per lo studio della creatività PDF

Best italian books

Probabilità Statistica e Simulazione: Programmi applicativi scritti con Scilab, Seconda Edizione

Il quantity contiene in forma compatta il programma svolto negli insegnamenti introduttivi di statistica e tratta alcuni argomenti indispensabili in step with l'attivit? di ricerca, come advert esempio i metodi di simulazione Monte Carlo, le technique di minimizzazione e le tecniche di analisi dei dati di laboratorio.

Equazioni differenziali non lineari

Lectures: J. L. Massera: Théorie de l. a. stabilité. - W. Wasow: Asymptotic homes of non-linear analytic differential equations. - G. Sansone: Questioni sulle equazioni non lineari. - D. Graffi: Questioni varie sulle oscillazioni non lineari. - Seminars: G. Aymerich: Oscillazioni periodiche ed isteresi oscillatoria di un sistema di Rocard a due gradi di libert� .

Extra resources for Ambigrammi: Un microcosmo ideale per lo studio della creatività

Example text

Per costruire dei buoni scheletri concettuali, si dev'essere in possesso di un repertorio sofisticato e sottile di categorie letterali, e per acquistarlo ci vuole molta pratica. G e b : Queste cinque fasi rispettano sempre un medesimo ordine? Non ritornano mai su se stesse? H o f : Ho presentato le mie cinque fasi in sequenza cronologica, un'approssimazione molto grezza di ciò che avviene nella realtà; le cose naturalmente sono spesso molto più complicate. Non è insolito che eventi in uno stadio avanzato abbiano effetti retroattivi.

LA PROBABILITÀ DI SUCCESSO È difficile fare ambigrammi? G e b : Hai fatto vedere come si fanno ambigrammi usando parole molto brevi. Ma non sono sfide molto facili? H o f : Non necessariamente. Non vi è alcun rapporto stretto tra lunghezza e difficoltà. Ho trovato il nome "John" una delle sfide più ostiche — quasi impossibile! E uno dei più lunghi — cambiare "Alejandra" in "Magdalena" — è stato anche uno dei più facili e meglio riusciti. All'inizio, in realtà, la sfida non era esattamente questa.

Il primo schizzo è una prova critica dello scheletro concettuale. Come ho già detto, è necessario realizzarlo su carta. C'è una ra- gione semplice: si vuole che i nostri occhi facciano per noi il lavoro che conta! Questa è la fase dove i giudizi sulla qualità dell'appartenenza categoriale sono critici. Voglio dire: questa forma in che misura è riconoscibile come una "A"? Quante possibilità ci sono che possa essere scambiata, diciamo, per una "S"? Si deve posare uno sguardo nuovo e obiettivo sul nostro disegno per realizzare questo genere di giudizi.

Download PDF sample

Rated 4.31 of 5 – based on 24 votes